VINI BIOLOGICI

Commenti (1)
Violone 90% (Montepulciano autoctono) , Merlot 10%
8.50 EUR
Commenti (0)
Greghetto monovitigno
5.40 EUR
Commenti (0)
Procanico monovitigno proveniente da agricoltura biologica
7.50 EUR
Commenti (0)
Procanico monovitigno proveniente da agricoltura biologica FRIZZANTE NATURALE
7.50 EUR

EST!EST!!EST!!!

Commenti (1)
Vino Bianco per antipasti e primi di pesce.
4.90 EUR
Commenti (2)
Vino Bianco per antipasti e primi di pesce.
5.90 EUR
Commenti (0)
Vino Bianco per antipasti e primi di pesce.
5.40 EUR

TUSCIA DOC

Commenti (0)
Merlot monovitigno BARRICATO
5.90 EUR
Commenti (0)
Montepulciano, Sangiovese
4.90 EUR
Commenti (0)
Canaiolo nero
7.50 EUR

LAZIO IGT

Commenti (0)
Aleatico
5.90 EUR
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

di Quinto Ficari

Montefiascone era e rimane uno dei più bei posti dell’Italia centrale, e qui, da sempre, le stagioni scivolano via (è nello stesso tempo il suo maggior pregio e il suo maggior difetto), senza grossi cambiamenti o scossoni. Non è stato per sempre così: c’è stato un tempo in cui Montefiascone era frequentato da personaggi che facevano la Storia: Papi, Imperatori, Santi, Predicatori, Condottieri, che se le davano di Santa ragione, ed era teatro di lotte epocali tra Guelfi e Ghibellini, e, probabilmente, in tutta Europa, nessuno poteva dire di non aver sentito parlare di questa Città dal nome singolare, posta sulla via Francigena: Montefiascone.

Ai giorni nostri, sicuramente Montefiascone deve gran parte della sua fama grazie anche alla leggenda che vede protagonista Giovanni Defuk, il primo sommelier della storia, e forse anche il primo pubblicitario della storia, visto che per la prima volta l’idea ed il nome di un prodotto viene associato ad uno slogan, diventa, come diremmo oggi, un “brand”: il vino EST EST EST, il vino di Montefiascone, che, nel bene e nel male, sopratutto a lui deve la sua celebrità. Secondo la leggenda, nell’anno 1111 Enrico V di Germania marciava su Roma per ricevere da Papa Pasquale II la corona di Imperatore. Al suo seguito, c’era il Vescovo Johannes Defuk, membro della famiglia dei Fugger di Augusta, ed il suo servitore Martino, che lo precedeva con il compito di scoprire e di segnalargli dove ci fosse del buon vino, superiore alla media. Ogni qual volta Martino avesse trovato del vino degno dell’attenzione dell’esigente palato di Defuk, avrebbe dovuto scrivere, per avvisarlo, la parola EST (c’è)… Durante il tragitto, ne trovò in diversi posti: a Montepulciano scrisse una EST, ad Orvieto scrisse EST EST, poi, infine, giunto a Montefiascone, tanto fu impressionato per la notevole qualità del vino, che, per avvisare adeguatamente il suo signore, segnal la presenza di tale prelibatezza scrivendo EST EST EST. Il Vescovo Defuk, una volta giunto a Montefiascone e constatato di persona quanto Martino fosse nel giusto, fu talmente preso dalla bontà del moscatello che non se ne andò più via, e, tanto ne bevve, che ne morì nel 1113. Il Vescovo Defuk fu sepolto nella chiesa di San Flaviano, e per diversi secoli, ad ogni anniversario dalla morte, un barile di EST EST EST fu versato sulla sua tomba. Il fedele servitore Martino, a memoria del suo Signore, fece incidere, ai piedi del monumento funebre, questo epitaffio:
EST EST EST PRT NIU EST HIC IO DEUC D MEUS MORTUUS EST
che significa: a causa del troppo EST EST EST qui giace il mio signore Giovanni Defuk…
Il racconto dell’episodio conoscerà fama europea, e, seppur a volte arricchito da dettagli più o meno importanti, fondamentalmente arriverà ai nostri giorni invariato.

 

Cantina Di Montefiascone Soc.Coop.Agr.  - P.IVA: IT00061350567 - REA VT - 28933 -  Via Grilli 2 - 01027 MONTEFIASCONE (VT) ITALY

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione